Muor giovane colui ch'al cielo è caro.

- Insieme per Ghigo -

 

E' dura farsi una ragione per un accadimento così impossibile da accettare.

Cerchiamo di trovare sollievo nei ricordi, nel fatto che la vita vissuta da un superuomo come il Nick, noi persone normali non ce la sogniamo neanche:  le esperienze, i viaggi, i mille sport e le tante passioni, l'amore e gli amici ... 

Si dice che chi se n'è andato prematuramente viene ricordato per sempre anche perché ha lasciato a chi è rimasto un'immagine giovane, nel pieno delle forze. In una certa idea della nostra vita, chi muore giovane non conosce la durezza e le amarezze della parte finale, che in fondo a Nicola sono state risparmiate.

D’altro canto però,  a chi prematuramente ci lascia, quante cose sono negate: emozioni, amori, affetti, famiglia, figli e l'illusione della continuità  attraverso la generazione che ti segue.

E quante volte mancherà a noi il conforto di un amico così gentile, tanto generoso a dispensare sorrisi e ironiche parole .

"Muor giovane colui ch'al cielo è caro" è una invenzione di chi vuole trovare una spiegazione dove spiegazione non c'è .

Nicola è vissuto al massimo ed aveva tanto ancora da dare. Ha vissuto da leone e finché ha avuto le forze ha combattuto anche contro l'evidenza. Fino a pochi mesi fa ci parlava di futuro, di cosa avrebbe voluto fare, di scappare dalla grigia Milano, di aprire un'attività in mezzo alla natura o sul suo mare della amata “Santa”.

 

Ma non può finire così, non dobbiamo permettere che accada.

Dobbiamo fare qualcosa per ricordarlo, per far si che anche chi verrà dopo di noi prenda ad esempio il suo coraggio, la sua bellezza anche interiore . Oggi c'è ancora una energia fortissima intorno a lui ed al suo ricordo, sarebbe bello riuscire a convogliarla in un'opera di bene, un simbolo tangibile che possa ricordare chi era Nicola e che morire giovane può servire a chi ne piange oggi tutti i giorni la mancanza, a riflettere su quanto sia importante vivere in modo tanto generoso e appieno ogni giorno che ci è concesso.

E' per questo che con la famiglia e alcuni amici abbiamo pensato di dare vita a una doppia iniziativa: